Pro Loco Villa Rosa

 
<< Indietro

Sagra della Pecora alla callara

 

Perchè la sagra della " PECORA ALLA CALLARA" a Villa Rosa, ridente paese sul mare.


Non trovando nella tradizione culinaria di Villa Rosa un piatto tipico che la rappresentasse ci siamo rifatti alla storia della nostra regione che è ed è stata da sempre conosciuta non solo per i suoi maestosi monti, per il mare azzurro, per i suoi verdi pascoli, ma anche per i suoi tanto cari e decantati PASTORI .


A loro abbiamo pensato e abbiamo deciso di onorarli proponendo ai tanti turisti uno dei piatti più poveri, più antichi e rappresentativi di tutto l'Abruzzo: la "PECORA ALLA CALLARA".
Saziare l'anima e non solo la gola.


LA NOSTRA RICETTA

INGREDIENTI :


- Carne di pecora ( possibilmente nostrana ) ben sgrassata e tagliata a piccoli pezzi,
- Vino bianco
- Olio extravergine di oliva
- Pomodori
- Carote
- Cipolla
- Costole di sedano
- Peperoni
- Limone
- Rosmarino
- Alloro
- Bacche di ginepro
- Pepe a grani
- Sale

Riempire una grande pentola ( Callara ) di abbondante acqua, aggiungere gli odori (alloro, rosmarino, cipolla, carote, costola di sedano, limone tagliato, bacche di ginepro, grani di pepe, vino bianco e sale ) e portare l'acqua ad ebollizione.
Quando l'acqua bolle mettere dentro la carne precedentemente lavata con acqua fredda.
Coprire la pentola, aspettare di nuovo il bollore e iniziare a togliere con un cucchiaio bucato ( la schiumarola ) tutta la schiuma che si forma in superficie mentre la carne bolle.
Lasciare cuocere per circa tre ore.
Nel frattempo si tritano altri odori ( cipolla, carota, sedano ) e li si mette in una pentola grande a soffriggere con olio extravergine, si aggiunge un po' di peperoncino piccante a piacimento e il pomodoro.
Quando la carne e' cotta si toglie dal CALLARO, sgocciolandola bene e si la si versa nella pentola che abbiamo preparato con tutti gli odori si lascia cuocere ancora fino a che la carne non risulti davvero stracotta.
A questo punto si buttano sopra i peperoni tagliati a listelli e precedentemente fritti,a questo punto non ci resta che dirvi Buon Appetito.

Nella sagra noi oltre alla pecora serviamo anche un piatto di rigatoni conditi con il sugo di cottura, accompagnato da una spolverata di formaggio pecorino delle nostre campagne.
Il tutto innaffiato da un vino fantastico che risponde al nome di Montepulciano d'Abruzzo.

 

<< Indietro